Visite: 223

Il TSN Catania ha recentemente stipulato una convenzione per le attività di PCTO (Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento) con l’Iiss "Galileo Ferraris" di Acireale. Nell’ambito di questa convenzione, sottoscritta dal Presidente del TSN Carlo Rossitto e dal dirigente scolastico dell’Istituto Orazio Barbagallo, gli studenti di alcune classi dell’indirizzo Manutenzione e Assistenza Tecnica, realizzeranno una serie di dodici bersagli motorizzati programmabili che saranno installati nel campo di tiro “Filippo Raciti”.

Il lavoro di costruzione, svolto esclusivamente presso i laboratori scolastici, metterà a frutto le competenze acquisite dagli studenti nel campo delle tecnologie elettroniche, elettrotecniche e meccaniche

Utilizzando un telecomando multicanale ed una applicazione android appositamente progettata, è possibile regolare da remoto un ampio ventaglio di parametri: velocità di apertura, tempo di stazionamento, sequenza di attivazioni in singolo e in gruppo, e altri ancora.

Dopo una lunga fase di ricerca e sperimentazione gestita dai professori Filippo Scaglione, Alfio Greco e Antonino Spina, con la collaborazione del prof. Giuseppe Carmeci, già in pensione e del direttore del poligono Gaetano Di Muni, è stato collaudato con successo il prototipo di un bersaglio.

Inizialmente il campo, allestito con i 12 bersagli, sarà a uso esclusivo delle Forze dell’Ordine (anche private) e delle Forze Speciali; successivamente sarà possibile l’utilizzo anche dei tiratori sportivi.

L’Istruttore di tiro, militare o civile, avrà a disposizione un vero e proprio sistema didattico per tiro a segno con il quale addestrare gli allievi con esercizi progettati al PC e rifiniti nei più piccoli particolari sulla base dell’abilità corrente dell’allievo. Tutti i componenti utilizzati nella costruzione del sistema di tiro, acquistati dallo stesso TSN di Catania, sono di facile reperibilità e basso costo con l’elettronica “on-board” basata su Arduino, una piattaforma diffusissima in ambito scolastico. Man mano che i singoli bersagli saranno pronti per l’installazione nel campo di tiro gli Istruttori del TSN, con la supervisione del direttore del Poligono, si occuperanno del loro collaudo “stressandoli” al massimo sia in prima persona durante le esercitazioni normalmente svolte nel poligono. Il progetto coinvolgerà anche una quinta classe del CAT (Costruzioni, Ambiente e Territorio) i cui docenti di indirizzo, ing. Antonio Boccafoschi e prof Roberto Messina, seguiranno gli studenti nel rilievo topografico e la restituzione grafica del campo di tiro nonché la costruzione di un modello in scala “animato” dello stesso sistema di tiro, funzionante come l’originale.

Il campo di tiro “Filippo Raciti” sarà completato entro un paio di mesi ed a maggio sarà inaugurato (rodato e operativo).

 

AGGIORNAMENTO al 22 aprile 2022

Il sistema didattico programmabile per tiro al bersaglio è operativo al 50%: 5 bersagli su 10. Appena il corriere ci consegnerà i rimanenti motori completeremo il campo Filippo Raciti, con i 10 bersagli previsti, aventi temporizzazioni gestite da remoto e  totalmente personalizzabili. Il tutto utilizzando componenti economici e di facile reperibilità.

A questo link il video dei bersagli in azione durante un test.

A questo link il video con alcune fasi della messa in opera e dei test

 

Torna su
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.